A  Tresenta  i  pochi siori i magnava  anca par i poareti,
tanto che par la gota, al sangue grosso e la sifilide ie s-ciopà tutti.
(Adesso ghe ne de novi, par questi se vedarà.) 
I pitocchi che i iera al numero più grosso e con la scorza più dura,
in tanti ie morti dalla pelagra, ma tanti ia portà  fora la sgirba.
Lori magnando zeola, aio, polenta e ton,
quando i piciava al pugno sulla taola, i gla fatta a salvare la pele,
si la pele se salva quando se magna poco e male.
Tresenta  te si sta disfortunada, prima parchè
chi comandava  i pensava solo par impinarse la so panza,
dopo calcosa le cambià, ma guere, aluvion e imigrazion,
i ta portà via mazza popolazion. 
I me amighi de scola chiè sta sgaraventà   
luntan dal paese a cercare un toco de pan.
Quando i torna, i dise a larga ziera:
“Se ricorden ancora quando to opà, cal iera un bun omo,  
al se dasea , un grugnolo de pan, un pomo, un zimo d’ua.
Ti, te ricordi che sa restavino chi a morevino tutti dalla fame”.
Allora Tresenta  te ieri spaca in do,
da na parte i bei, in dasea al bar Pirani, sconsiglià ai poareti,
gli altri la maggioranza i se catava da: “Vernici in Barguarina”,
da “Zorzon al gorgo dla sposa”, da “Castalan al ponte”.
In centro dalla “Zole”, “al “Cavallino da Ciucia Fiori” e da “Carlin”.
I  bevea  du goti de “clinton”alla olta fin che i deventava dispari,
e raramente; (ne ghiera schei) i magnava na porzion de bacalà,    
o de tripe, e come contorno tanto par cambiare,
zeola, fasoi, e la famigerata polenta. (Al pan al costava masa).
A tarda sera i veghea fora, sgolà dal cantare,
che i saea da bago, infumegà e sbronzi.
Na nota de colore la dasea a sto paese,
zerti personaggi ca vivea allora:
Dalla” Cota” a “l’Ardito”, “Rusigali”e “Becoti”,
la “Maria trionfa”,al “Treno” e i du Bepe, Sacheta e Cerati.
Intendense ben! Zente a so modo, ma da respetare,
zertamente meio de tanti smerdun.
Tresenta te ieri cusì allora, ma no lè ca te si tanto meiora inco.
Però anche se cusì sgangharà  te son afezionà.
Chi son nato e chi spero ca se ponsa i me osi.

pubblicata in Experienzia, giornale Università Popolare Polesana, anno 2005