Oggi 12 novembre 2003,
diciotto eroi hanno dato la loro vita.
Uccisi da un odio feroce e insensato.
Mamme, papà,mogli e figli li piangono.
Molti, ma non tutti pregano.
I politici parlano.
L’opinione pubblica scossa, riflette.
I cittadini portano fiori.
Di questi misfatti di chi è la colpa?
Le nostre colpe, quali sono?
Quando mettiamo il nostro zampino?
Ogni volta che come cittadini del mondo,
prendiamo posizione,questi sono buoni, questi cattivi.
Ogni volta che nel colore della pelle,                                                                               
vediamo un nemico e non un fratello.
Quando le nazioni si schierano le une contro le altre.
Quando il più forte vuole imporsi.
Quando le religioni dividono invece di unire.
Quando non comprendiamo che Dio
ci ha creato tutti suoi figli.
Quando non aiutiamo i poveri e i deboli,
come ci ha insegnato Gesù.
E’ tutto questo che ci rende complici.
Se continuiamo di questo passo, non domandiamoci:
“Per chi suona la campana”.
Perché prima o dopo suonerà anche per noi.