Par esar capii senza difficoltà,
lè  pruente parlar come i sa insegà.
Con sta mania de parlare l’italian,
spesso che figure! Se fa ridare anche i can.
Da più parti se sente dire ne se parla più in dialetto,
e par le nove generazion l’è un difetto.
Se core al ris-cio cari i me signori,
da ne capirse tra fioi e genitori.
La mamma restà in paese in tla so casa dirocà ma pulita,
la se trova a disagio e se ghe complica la vita.
Quando al fiolo dalla zità al vien farghe visita al ghe parla in modo stran,
lu al dise cal parla l’italian.
La pora dona la fa na confusion,
quando al fiolo al ghe domanda par lavars, il zappon.
La corre in tla casona de drio dla cà,
e la ghe porta la zappa più grande che la gà.
Una putela di bell’aspetto,
ma la sea dismentega come se parla in dialetto.
Tornà in paese dalla zitta,
al negoziante de scarpe la ga domandà:
“Mi dia un paio di chiavate”.
Al vecetto ricordando le primavere andate.
Pronto al ghe risponde: una a mala pena capirai,
par do al cuore al me procuraria seri guai.
Avendo un bisogno, la nuora in zittà abituà,
domanda al suocero il water dove latria trovà.
Sta parola al poro omu al nlea mai sentù in vita sua,
visto che non al gavea capio, per farsi capire: “Dove si va quando la pancia ha la bua”.
Qua in campagna ghen solo un cesso all’aperto e un cadin,
risponde gentilmente al poro contadin.
Alora sbotta la nuora: “Se non cè il water, caghi no”.
Riceve come risposta: “Allora s-ciopa sì”.
Somia stà ciaro,par farse capire in modi perfeto,
sa ne se sa l’italian le mejo parlare in dialetto.