Questa l'è na storia poco bela, senti,
me par de sentir dire "Le te capita tute a ti.".
Ierino quatro operai e sen stà invità ad un pranzo aziendale,
'en dito "Voto vèdar ca nevega anca sa sen a carnoale",
parchè saevimo da chi era offerta la porcheta,
lu a ghe piasea comandare a bacheta.
Ierimo bei, a sen vestio da festa,
ma subito la giornata se presenta funesta:
la parona della locanda, Pia di nome e di fato,
la se dise "I stà tratandove come el me gato
quando cal fa le bize con la me gatina
subito lo sero in catina.
So par sicuro che a tavola con loro, i paroni, ne ve vole in compagnia,
ho preparà par valtri in stireria."
Furibondi a sen da su tute le furie, podì imaginare,
e al capo azienda a sen fato spiegare.
Al capo i ga fato dire i tiranni: non sarà mai,
che i paroni i vaga a tavola con gli operai.
Dito e fato sem messo d'accordo,
e ghen dito al capo c'lè un tordo.
Gho dito mi, par tutti "Se invito un ospite a casa mia,
non lo metto a magnare in stireria"
Senza dire altro e in fretta,
se andà a casa nostra a magnar fasoi e ghen lasà la so porchetta.
La nostra amica Pia la sa riferio "Gnente a ghi perso
perché anche a loro la porcheta la ghe andà par traverso.
Le stà ne bega par tutto il pranzo tra i veci e i zoani imprenditori
A ne servio gnanche l'amaro per digerir ai nostri signori"
Eravamo poveri ma con tanta dignità
Lori i ghea i schei ma non iera signori, questa è la verità.


Trecenta, Ottobre 2001