Dopo tanti spostamenti i Ta trovà il posto ideale,
i Ta fatto un monumento davanti la scola comunale.
Ma i scolari frettolosi i Te passa davanti,
i ne sa chiè ca ti si, i è ignoranti.
Se i ne te conosce non l'è colpa loro,
l'è dei genitori chi pensa alla cariera e al so laoro.
All'ora a un grupo de putin a go dito: "Sa stè boni,
ve digo chiè cal iera Nicola Badaloni."
Al 'iera un medico di Recanati vegnù nel nostro paese,
con tante idee in testa e poche pretese.
L'ha speso tutte le so energie e capacità,
par solevar la pora zente della poertà.
La dieta dei nostri veci la iera magra,
forza da magnar polenta ghe vegnea la pelagra.
Al sa batù qua e in Parlamento,
e solo dopo tanti anni s'ha visto un meioramento.
Come tutti i omeni che i fa le belle robe,
i vien dismentegà, ne ho le prove.
Ma rivolgo a Lu e ghe digo quante volte i ta stapazà,
i Ta fato un monumeto su le scalinà.
Un posto più bruto i ne podea trovare,
solo i can sotto de Ti, i vegnea a pisare.
I Ta dedicà le scole Media in Piazza Marconi,
e poi i se fatto imbroiar come minchioni.:
al parchè i disea cl'è siria cascà,
ma dopo tanti anni i'è ancora là.
I Te tirava da na parte o da l'altra par al so comodo,
e non i se incorzea che ti te stava scomodo.
In un comizio i disea: "La pensava come mi".
L'altro comizio ribatea: "Solo un sfaciato al por dire cusì"
Quanto i Te dasea dell'antifascista Te ieri contento,
allora a Te domando "Cosa pensito di to amici oggi in Parlamento?"
I ha dito ca Te ieri un "magnapreti" anticlericale,
ma i se dismentega ca te combatù la pelagra flagello micidiale.
I ne se ricorda più, che le stesse robe al le fasea anche Gesù.
Me mama che de ste robe non la saea gnente,
la me disea non scoltare quel ca dise la gente,
l'ha portà me nona col tetano a farla visitare,
il professore scutendo la testa al ga dito "A ne ghè più gniente da fare"
Ascolta bene, al ga dito proprio cusì,
"A sto punto, prima a vien Dio e dopo mi".
In te sti giorni ca pare che i omeni i sia deventà mati,
ben vegna il gemellaggio de Tresenta e Recanati.
Là Te si nato, chi Te si morto,
anche se l'è tardi, è meio chi se ne abbia accorto.
A nome dei me concittadini Te chiedo perdono,
e ringrazio la provvidenza cla sa da Ti per dono.
I putin in silenzio e a boca verta ia scoltà,
e tutti insieme un baso in cielo ia mandà.

Trecenta, 11 Ottobre 2001

pubblicata in Experienzia, giornale Università Popolare Polesana, anno 2004