Sgombriamo subito il campo a riguardo di questo giudizio,
e non pensiamo se chi segnala questo, lo faccia per vizio.
Sono un autentico sostenitore,
ed ammiro gli organizzatori, perché si fanno onore.
I fondi che i governi mettono a disposizione della ricerca,
a dir poco sono una cosa carnevalesca.
Ben venga allora l’iniziativa volontaria e gratuita,
ma mi domando l’onestà dov’è finita.
Invece di mettere a disposizione le arance della salute,
si trovano a manipolare delle cose marce e brutte.
Ho visto le responsabili avvilite, questa è la verità,
e mi hanno detto: “Perderemo tutta la nostra credibilità.
Per pochi disonesti e senza testa,
roviniamo il lavoro di gente onesta”.
Io dico: “Volontario non devi mollare,
sono i furfanti che si devono vergognare”.
Chi ha il compito di indagare, faccia presto,
e smascheri il malandrino disonesto.
Un appello è d’obbligo per chi si è sentito ingannato,
non smettere di fare del bene che alla fine sarà gratificato.
Con l’aiuto di tutti, la ricerca ha fatto passi da gigante,
non fermiamoci, andiamo avanti, questo è l’importante.
Chi con questi imbrogli danneggia l’ammalato,
da Dio sarà per sempre condannato.